Pizze fritte

Oggi vi propongo le pizze fritte. Chi mi segue su Instagram spesso le ha viste nelle mie stories, è uno sfizio che ogni tanto mi concedo, le adoro!  

So che molti non amano friggere ma ogni tanto ci sta soprattutto in questo periodo dove la frittura la fa da padrona visto l’arrivo del Carnevale. 

La prima volta le ho assaggiate è stato a Napoli, lì le chiamano pizzelle fritte o montanare. L’impasto è quello di una pizza ma sono più piccole e vengono fritte e condite con la salsa di pomodoro e formaggio grattugiato o mozzarella. 

Personalmente vario sempre condimento, il mio preferito è con la mia amata stracciatella, mortadella e pistacchio. 

Un abbinamento che mi fa impazzire Sono gustose e buonissime.  Vale davvero la pena friggere!

Ingredienti

per l’impasto 

500 g di farina per pizza (280 – 350 w)

370 ml di acqua

100 g di li.co.li. rinfrescato

10 g di sale

olio di arachidi per friggere q.b.

Preparazione

(Sul mio profilo Instagram “Deliziosavirtu” troverete un reel  che vi mostra i passaggi fondamentali della preparazione)

Mettete nella ciotola dell’impastatrice la farina e  l’acqua. Iniziate ad impastare facendo girare per pochi minuti a bassa velocità; non appena la farina comincia ad assorbire il  liquido ed ad assumere un aspetto grezzo, effettuate un riposo di 1 ora. (Autolisi)

Trascorsa l’ora riprendete ad impastare aggiungendo i licoli rinfrescati ed utilizzati al raddoppio e subito dopo il sale e lavorate sino ad ottenere un impasto ben incordato. Lasciate riposare la pasta sul piano di lavoro per circa 30 minuti coperta con una ciotola capovolta.

Mettete ora  l’impasto in una ciotola leggermente oleata e procedete con le pieghe in ciotola “Coil folding”, dovete farne tre a distanza di un’ora, coprite sempre l’impasto tra una piega e l’altra. Una volta fatte le tre pieghe. Coprite e lasciate lievitare per un paio d’ore.  Mettete poi la ciotola in frigorifero per tutta la notte. 

Al mattino, tirate la ciotola dal frigo e tenetela a temperatura ambiente per un’ora. Procedete ora alla formatura. 

Spolverizzate di farina un piano di lavoro e capovolgete l’impasto. Dividetelo in pezzi da circa 80 g, pirlate ciascun pezzo a formare delle palline. Mettete le palline in una teglia spolverizzata di farina, coprite con un telo e lasciate lievitare sino al raddoppio in forno spento. Trascorso il tempo riprendete le palline e procedete alla formatura delle pizze. Spolverizzate il panetto e le mani con della farina ed iniziate ad appiattire premendo con le dita e partendo dal centro cercando di allargare lasciando 2 cm di bordo. 

Riscaldate l’olio in una casseruola profonda e capiente.

Friggete una pizza per volta, finché sarà bella gonfia e dorata (saranno necessari un paio di minuti per lato). Scolate su un foglio di carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso.

Servitele calde con salmi e formaggi.

Note

Se utilizzate il lievito madre solido dovrete sostituire i licoli con 150 g di lievito madre solido e la farina con 450 g,  l’acqua sarà invariata.

Se utilizzate il lievito di birra, fate un poolish con 50 g di farina 0, 50 ml di acqua e 3 g di lievito di birra fresco. Mettete gli ingredienti in una ciotola e mescolate bene, coprite con un panno e fate lievitare fino al raddoppio del volume quando inizia a collassare aggiungetelo all’impasto al posto dei licoli.

Vota la ricetta
recipe image
Nome ricetta
pizze fritte
Pubblicata il
Votazione
4.51star1star1star1star1star Based on 29 Review(s)

Ricette in evidenza

Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.