Ravioli di farro ai formaggi su vellutata di carciofi e scaglie di mandorle

Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla

 …tra un po’ è Natale, già si inizia a sentire il suo profumo, le sue luci, i suoi colori, la sua atmosfera. Le case si inondano di profumi di dolci fatti in casa, si addobbano con alberi e presepi e si inizia a pensare al menù delle tavola delle feste. Adoro l’atmosfera calda e festosa di questi giorni! Fin da bambina  in casa dei miei genitori, e oggi in casa mia, si è sempre vissuta a pieno questo periodo  meraviglioso, con la preparazione dell’albero, gli addobbi in casa… e quell’immancabile profumo di dolci, da quelli tradizionali a quelli più innovativi. Oggi vi propongo per la tavola di Natale una ricetta di un primo piatto; i Ravioli, questa deliziosa pasta ripiena che nel giorno di Natale non può mancare sulla mia tavola.  Mi piace preparali, e da tradizione nella mi famiglia sono sempre presenti, ogni anno però mi piace variare dando libero sfogo alla mia fantasia, i ravioli che vi propongo oggi sono fatti di farina farro. Il  farro è una cereale molto antico, (era alla base dell’alimentazione degli antichi romani) negli ultimi anni fortunatamente la sua coltivazione è stata rivalutata in particolar modo da aziende agricole interessare alla produzione biologica essendo una pianta rustica e particolarmente resistente ai parassiti escludendo così l’utilizzo di prodotti chimici per la sua coltivazione, ed anche per le sue ottime proprietà nutrizionali. Mi piace molto utilizzare questa farina nella preparazione di pasta e pane in quanto conferisce un ottimo sapore e aroma. I ravioli poi sono ripieni di ricotta,  formaggi e un goccio di miele di castagno che con il suo sapore aromatico e il retrogusto amarognolo ben si lega con questo ripieno. I ravioli vengono conditi con una vellutata di carciofo e la cui cremosità viene bilanciata dalla croccantezza della julienne di carciofi fritti e dalle scaglie di mandorla leggermente tostata, il tutto esaltato da qualche fogliolina di timo  limonato che conferisce al piatto freschezza.

Un piatto ricco di sapori ma al tempo stesso leggero, perfetto per un pranzo di Natale, mi piace regalare in questo giorno  piatti importanti realizzati con prodotti di primissima qualità e non appesantire troppo i miei cari… e poi si sa, il pranzo di Natale è abbondante e bisogna sempre lasciare un posticino per il  dolce… se no che Natale è?

Ingredienti per 4 persone

per la pasta

200 g farina farro

100 g di semola rimacinata

3 uova

1 cucchiaio di olio

per il ripieno

500 g di ricotta di mucca

150 g di taleggio d.o.p.

50 g di parmigiano reggiano grattugiato

1 cucchiaino colmo di miele di castagno

sale e pepe

per la vellutata di carciofi

4 carciofi

½  cipollotto

olio extravergine di oliva

sale e pepe

½ bicchiere di acqua

½ vino bianco

per il condimento

3 carciofi

olio extravergine di oliva

amido di mais q.b.

scaglie mandorle pelate e tostate q.b.

timo limonato q.b.

una noce di burro

parmigiano reggiano grattugiato q.b.

Preparazione dei ravioli

In una ciotola unite la farina di farro e la semola poi al centro le uova sbattute e l’olio, amalgamate bene. Impastate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Se l’ impasto vi risulterà un po’ appiccicoso unite un’ altro  po’ di farina, se secco aggiungete un po’ di acqua. A questo punto, quando la pasta sarà omogenea ed elastica, fate una palla  e lasciatela coperta da una ciotola rovesciata per mezz’ora, nel frattempo preparate il ripieno.

Mettete in ciotola la ricotta, il taleggio a dadini, il parmigiano e un cucchiaino di miele di castagno. Amalgamate bene tutti gli ingredienti, aggiustate di sale e pepe.

Passata la mezz’ora prendete l’ impasto e iniziate a formare le sfoglie con l’utilizzo di una macchina per la pasta, passate un pezzetto di impasto mettendo il rullo impostato nello spessore più ampio, poi la sfoglia ottenuta ripassatela mettendo il rullo nello spessore più sottile. Formate le strisce rettangolari, disponete il ripieno e ponete sopra l’altra sfoglia di pasta e con l’aiuto di un tagliaravioli a forma di fiore formate i ravioli.

Mettete ora i ravioli ad asciugare su un vassoio abbondantemente infarinato e sopra spargete altra farina per evitare che si attacchi.

Un consiglio in più…

Di solito per la pasta fresca viene eseguita la regola di 1 uovo ogni 100 g di farina, ma le uova non sono tutte uguali, a volte sono molto grandi, altre volte soprattutto quelle biologiche variano di dimensione quindi vi consiglio di partire con la farina e aggiungete le uova 1 alla volta sino a che la farina non le assorbirà, poi se l’ impasto vi risulterà un po’ appiccicoso unite un altro po’ di farina, se troppo asciutto potete unire un po’ di acqua.

I Ravioli una volta preparati e fatti asciugare potete congelarli, così da utilizzarli successivamente ponendoli direttamente in acqua bollente.

Preparazione del condimento

Pulite i carciofi, utilizzate un paio di guanti altrimenti le mani diventeranno nere. Eliminate le foglie più dure esterne fino ad arrivare al cuore tenero e chiaro, tagliate le punte del carciofo, poi tagliate il gambo. Dividete il carciofo a metà e rimuovete la peluria interna. Tagliate i carciofi in quattro e tuffateli in una ciotola con acqua e limone per non farli annerire. Prendete i gambi e eliminate la parte esterna più dura divideteli in quattro e tuffateli in acqua e limone. Al momento di cuocerli scolateli bene, tenete da parete qualche pezzo di carciofo per dopo friggerli e gli altri li mettete in una padella con un filo d’olio e il cipollotto tritato, sfumate con ½ bicchiere di vino bianco. Aggiungete ½  bicchiere di acqua, aggiustate di sale e terminate la cottura (se occorre aggiungete un altro po’ di acqua). Con l’aiuto di un minipimer frullate i carciofi sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, poi sollevateli con una schiumarola, e poneteli in una padella con una noce di burro, del parmigiano grattugiato e qualche fogliolina di timo, fateli insaporite.

Tagliate il cuore dei carciofi a julienne, passateli all’amido di mais. In una padella versare abbondante olio, portare l’olio alla giusta  temperatura e friggete i carciofi a julienne in modo che risultino croccanti, salate leggermente.

Disponete su un piatto la vellutata di carciofi, adagiate i ravioli e sopra julienne di carciofo fritto e scaglie di mandorle tostate. Decorate con foglioline di timo limonato.

Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 1Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 2Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 3Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 4Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 5Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 6Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 7Ravioli di farro su vellutata di carciofi e scaglie di mandorla 8

Ravioli_di_farro_su_vellutata_di_carciofi_e_scaglie_di_mandorla_9

Con questa ricetta partecipo al Contest “Taste Abruzzo, it’s Xmas Time!” organizzato da  “Taste Abruzzo, dove il sapore incontra la natura”

 

 

recipe image
Nome ricetta
Ravioli di farro ai formaggi su vellutata di carciofi e scaglie di mandorle
Pubblicata il
Votazione
4.51star1star1star1star1star Based on 14 Review(s)
Share on Google+0Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest12

Ricette Correlate:

Ravioli al basilico con burrata e prosciutto di Parma
Ravioloni di zucca con funghi e Tartufino
Torta Pasqualina
Terrina di vitello in crosta con salsa rèmoulade e salsa ai pistacchi

Ricette popolari:

Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *