Torchon ai semi di papavero

…vi avevo già detto che in questo periodo sto sperimentando diversi tipi di pane. Da quando ho il mio lievito madre liquido mi sto appassionando ancor di più. Ho sempre avuto il lievito solido ma questo devo ammettere mi sta dando molte più soddisfazioni. Il pane di oggi è molto particolare perchè è un pane incamiciato e poi intrecciato. Vengono dapprima realizzati i filoncini, questi poi vengono incamiciati completamente in una sfoglia sempre dello stesso impasto ma arricchita con dei semi di papavero. Una volta incamiciato si taglia in due parti e poi viene intrecciato. Un pane molto profumato e molto bello da portare in tavola. Ha un crosta molto croccante e un mollica alveolata e saporita. Provatelo, qui a casa ha conquistato tutti!

Ingredienti

Ricetta di Sara Papa tratta dal libro “Tutti i colori del pane”

per 4 torchon

770 g di farina tipo 1

490 ml di acqua

140 g di  Li.co.li. (lievito madre in coltura liquida) rinfrescato

60 g di semi di papavero

12 g di sale

olio extravergine di oliva

Preparazione

Mettete nella ciotola dell’impastatrice farina, acqua e lievito (licoli o il poolish a seconda di quello che avete). Iniziate ad impastare facendo girare per pochi minuti a bassa velocità; non appena la farina comincia ad assorbire il  liquido ed ad assumere un aspetto grezzo, effettuate un riposo di 1 ora. Trascorsa l’ora riprendete ad impastare aggiungendo alla fine il sale e lavorate sino ad ottenere un impasto ben incordato. Lasciate riposare la pasta sul piano di lavoro per circa 30 minuti coperta con un telo. Fate due giri di pieghe a tre a distanza di 20-30 minuti.  Formate una palla e mettete a lievitare in una ciotola coperta sino al raddoppio del volume.

Ricavate dall’impasto quattro pezzatura da 240 g e quattro da 100-120 g. Stendete le pezzature da 100-120 g con un matterello, formando dei rettangoli e le pezzature da  240 g formate delicatamente dei filoncini della stessa lunghezza dei rettangoli. Spennellate i rettangoli con l’olio e cospargeteli con i semi di sesamo. Con il matterello premete leggermente i semi in modo da farli aderire alla pasta. Appoggiate quindi i filoncini sui rettangoli e avvolgeteli con l’impasto. Dividete ciascuno in due parti. Attorcigliate le due parti e con un coltellino incidete i bordi. Lasciate riposare per circa 30 minuti.

Cuocete il pane alla massima temperatura ( il mio forno arriva a 250 gradi) per 10 minuti e continuate a 180 gradi per altri 45 minuti. 

Note

Se non possedete ne i licoli ne il lievito madre potete utilizzare il lievito di birra fresco. Dovete preparare un poolish: mettete in una ciotola 70 ml di acqua, 70 g di farina e 1,5 g di lievito di birra fresco; mescolate bene e lasciate lievitare per 10- 12 ore sino al raddoppio. ( Potete prepararlo la sera e tenerlo a riposare tutta la notte coperto in un luogo lontano da correnti); procedete poi come da ricetta utilizzandolo al posto dei licoli.

Potete sostituire i semi di papavero con i semi che piu preferite.

recipe image
Nome ricetta
Torchon ai semi di papavero
Pubblicata il
Votazione
11stargraygraygraygray Based on 1 Review(s)
Share on Google+0Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0

Ricette Correlate:

Ruota di segale
Flatbread alla griglia
Couronne Bordelaise
Pain tabatiere

Ricette popolari:

Commenti

  • Ciao e complimenti è bellissimo è da un po’ che provo a fare il pane con il licoli e devo dire che il profumo e il sapore del pane in casa è fantastico.
    L’unica cosa che non riesco a far venire nel mio pane sono gli alveoli hai un segreto da svelare?
    Una curiosità per 140 gr di licoli rinfrescato come procedi? Rinfreschi una parte del tuo licoli con la stessa quantità di acqua e farina? E quanto tempo aspetti per impastare dal rinfresco?
    Scusa forse troppe domande ma adore il pane ed il licoli.
    Grazie del tuo tempo, sei bravissima…a presto.

    GD Star Rating
    loading...
    • Ciao, ti ringrazio davvero tanto. Mi fa molto piacere ti piaccia. Per gli alveoli mi dispiace ma non ho segreti. Devi tenerlo ben attivo poi sono importanti le pieghe, la farina utilizzata, l’idratazione… Io rinfresco nel momento che decido di fare il pane. Tolgo una parte di licoli dal contenitore e rinfresco solo una parte. Però una volta a settimana faccio il rinfresco generale. Prima di rinfrescare lo tengo a temperatura ambiente per circa 1 ora e poi rinfresco. Aspetto che raddoppia di volume anche 3\4 ore e poi impasto con i licoli rinfrescati. Il rinfresco lo faccio in ogni caso con uguale acqua e farina, cioè se prelevo 50 g di licoli aggiungo poi 50 ml di acqua e 50 g di farina. Spero sia stata chiara. Grazie mille

      GD Star Rating
      loading...

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *